TEA

Vincenzo Fenili
Nato a Firenze nel 1958, Vincenzo Fenili fa il primo lancio con il paracadute nel 1977 e due anni dopo entra nell’Arma dei Carabinieri. Nel 1980 riceve il brevetto di pilota e viene arruolato nel network di GLADIO partecipando a numerose missioni fra le quali la rendition di un noto brigatista nero rifugiatosi in Paraguay e un’operazione di controinformazione tra Sudafrica ed Europa. Nel frattempo accumula migliaia di ore di volo su jet e diventa pilota istruttore. A guerra fredda conclusa, dopo aver operato sul fronte balcanico nel corso del conflitto nella ex Iugoslavia, diventa contractor del Ros, che gli chiede di partecipare come agente sotto copertura, usando la sua qualifica di pilota Alitalia, a DUE GRANDI OPERAZIONI CONTRO IL TRAFFICO INTERNAZIONALE DI STUPEFACENTI: le operazioni Pilota e Sinai. Alla fine degli anni Novanta, ormai “bruciato”, Fenili lascia la compagnia di bandiera e si trasferisce a Phnom Penh, in Cambogia, dove È IMPEGNATO NEL CONTRASTO AL RICICLAGGIO INTERNAZIONALE. Il suo primo libro, "Supernotes" (con Luigi Carletti, Mondadori 2014), è stato tradotto in tutto il mondo e prossimamente diventerà un fi lm. Le clamorose rivelazioni riportate in "Supernotes" non sono mai state contraddette né smentite nei fatti.