TEA

Emilio Martini
Dietro lo pseudonimo di Gigi Berté si nasconde un vicequestore aggiunto in carne e… coda brizzolata, che opera in un commissariato italiano. Anche dietro il nome Emilio Martini si cela qualcuno in carne e… penna: due sorelle scrittrici, Elena e Michela Martignoni, che conoscono bene il commissario, sono milanesi e frequentano da anni la Liguria. Insieme hanno scritto i romanzi storici «Requiem per il giovane Borgia», «Vortice d’inganni», «Autunno rosso porpora» e «Il duca che non poteva amare» e i gialli con protagonista il commissario Berté «La regina del catrame», «Farfalla nera», «Chiodo fisso» (ora anche in edizione TEA in un unico volume), «Doppio delitto al Grand Hotel Miramare», «Il mistero della gazza ladra» e «Invito a Capri con delitto», oltre alle raccolte «I racconti neri del commissario Berté» e «Talent Show».