TEA - Post Office

Il Libro

Post Office

Post Office

Clamorose sbornie, azzardate puntate all’ippodromo e «movimentate» nottate in motel sgangherati...

«Non potevo trattenermi dal pensare, dio, l’unica attività dei postini è di ficcare dentro le lettere e l’uccello. Questo è il lavoro che fa per me, oh sì sì sì.» Ma il paradiso sognato da Henry Chinaski, il leggendario alter ego di Bukowski, viene brutalmente smentito dalla realtà quando, assunto dall’amministrazione postale americana, si ritrova con la sacca di cuoio sulle spalle a girare in lungo e in largo attraverso la squallida periferia di Los Angeles. Profondamente deluso dalla monotona routine quotidiana e insofferente ai rigidi regolamenti della macchina burocratica, Chinaski si consola affondando le sue frustrazioni nell’alcol e trovando rifugio tra le morbide braccia di donne più sole di lui. Tra clamorose sbornie, azzardate puntate all’ippodromo e «movimentate» nottate in motel sgangherati, Chinaski riuscirà a «guadagnarsi» il licenziamento e a farsi riassumere, ma solo per licenziarsi definitivamente, inorridito e disgustato da quell’immenso ufficio postale che, poi, è la vita stessa.

Nuova traduzione di Simona Viciani
autore
Charles Bukowski
collana
Tea Trenta
dettagli
192 pagine, libro - brossura
traduttore
Viciani S.
su licenza di
Guanda
ISBN
9788850246977

Pin It
tutti »

le novità dello stesso genere