TEA - Giorni cinesi

Il Libro

Giorni cinesi

Giorni cinesi

Uno straordinario diario di viaggi, di storie e di incontri. Una testimonianza inestimabile sulla Cina del dopo Mao.

«Le purpuree mura [della Città Proibita] inquadrano un segreto che forse non sarà mai svelato: il segreto di quel che è vero di quel che è reale in Cina. Intorno a quello i cinesi, quelli dell'Impero come quelli del Partito comunista, continuano ad affaccendarsi per cercare di camuffarlo, di travestirlo, di rivestirlo, per dargli una faccia e poi un'altra, e un'altra ancora. Oggi, come allora, noi contempliamo le macchine o le portantine, i messaggi o i giornali e ci chiediamo: come? perché? a quale scopo' affascinati per sempre dal diverso rapporto dei cinesi con la realtà.»

Così Angela Terzani Staude chiude il diario di una eccezionale esperienza: tre anni vissuti in Cina, dal 1980 al 1983, insieme con il marito Tiziano ' allora corrispondente del settimanale tedesco Der Spiegel ' e con i figli Folco e Saskia. Tre anni vissuti appassionatamente e con curiosità, esplorando a fondo Pechino e percorrendo in treno, corriera e bicicletta l'immenso Paese, dalle città costiere ai villaggi più remoti; ascoltando centinaia di storie e incontrando uomini e donne dai destini più diversi; registrando lucidamente gli esiti dolorosi della Rivoluzione culturale e affrontando sia i più comuni problemi della vita quotidiana che i nodi più antichi di una civiltà millenaria. Un diario traboccante di persone e di cose, un documento prezioso in cui si è fissata in modo straordinariamente vivo l'immagine dolente di un momento cruciale della storia della Cina moderna.

Questa nuova edizione di Giorni cinesi, apparso per la prima volta presso Longanesi nel 1987, è stata interamente rivista dall'autrice, che inoltre ha reintegrato alcune pagine omesse nella prima edizione e ha scritto una nuova introduzione per il lettore di oggi.
autore
Terzani Staude Angela
collana
TEA Avventure
dettagli
libro - brossura
su licenza di
Longanesi
ISBN
9788850202270

Pin It

la stampa

  • «? un diario attento, minuzioso, anche appassionato. È forse proprio questo essere appassionato che fa di questo diario un libro affascinante: c'è un grande amore per la Cina, e un grande dolore per come è ridotta dopo la tragedia della rivoluzione culturale. È un libro che ha anche una sua qualità particolare: si può dire infatti che sia un libro femminile. E tale lo rendono l'attenzione, l'interesse, la non nascosta tenerezza verso le persone e le loro parole e i loro sentimenti, ma anche verso le cose? Femminile è quel saper ascoltare e a volte consolare, quel saper toccare, prendere in mano, esaminare, scegliere, quel saper godere di piccole cose e condividere sofferenze e allegrie, dolori e speranze.», Giulia Borgese, Corriere della Sera
  • «Questo Giorni cinesi può trovare posto fra i libri più longevi, quelli indifferenti alla propria data di pubblicazione. Il suo posto naturale è nel vasto scaffale che comincia coi viaggiatori romantici settecenteschi, alla cui imitatissima specie Angela Terzani Staude appartiene probabilmente per ereditarietà? La naturalezza, la semplicità dell'osservazione e della descrizione, creano una prosa che scorre esattamente al ritmo dei pensieri, senza mai scavalcarli con enunciazioni conclusive, senza mai attardarsi nelle esibizioni di acume, senza mai impigrirsi nella ricerca dell'eleganza, che di tanto in tanto zampilla spontaneamente dalla pagina'», Edgardo Bartoli, La Repubblica
tutti »

libri dello stesso autore

tutti »

le novità dello stesso genere