Dove siamo Via Gherardini, 10 - 20145 Milano
Tel 02 34597625
Seguici su
Dove siamo Via Gherardini, 10 - 20145 Milano
Tel 02 34597625
Seguici su

Acqua viziata

Numero di pagine
240
Formato
Brossura
Ean
9788850221028

Il tratto di mare da Fiumicino all'isola di Ponza, il caldo di fine giugno, le acque affollate di un week-end lungo, cinque barche e altrettanti equipaggi, tutti rigorosamente italiani: lo skipper a noleggio, disincantato e disadattato, che porta in giro le coppie di città; il cafone arricchito che organizza festini e orge su una barca esagerata; il patito della navigazione che comanda la sua barchetta come fosse una portaerei e si crede un ammiraglio? Un romanzo grottesco, ma anche un po' malinconico, che racconta le varie forme dello sfascio sociale e del disagio individuale che ci colpisce un po' tutti e dove gli italiani in barca diventano lo specchio, ancora più nitido, degli italiani «sulla terra». La scrittura di Roberto Goracci, graffiante, divertente, anarchica (come quella di un Bukowski redivivo), ne fotografa le nevrosi, gli slanci, le meschinità e l'involontaria comicità.

«Fermo sull'acqua di quel fiumaccio infame che era il Tevere all'altezza di Fiumicino. Acqua dolce ma verde, densa, trafficata da tronchi marci, pesci morti, talvolta gatti gonfi e preservativi usati che serpeggiavano cercando la foce, come spermatozoi l'ovulo. Con il motore che girava al minimo per contrastare la corrente, aspettava il ponte, che avrebbe dovuto alzarsi entro pochi minuti. Era il sesto week-end consecutivo che portava gente in barca, sempre a Ponza, avanti e indietro, silenzioso e scoglionato come un autista del 60 notturno.»

Gli altri libri di Roberto Goracci

A est dell'Avana

Condividi