Dove siamo Via Gherardini, 10 - 20145 Milano
Tel 02 34597625
Seguici su
Dove siamo Via Gherardini, 10 - 20145 Milano
Tel 02 34597625
Seguici su

La treccia

Numero di pagine
288
Formato
Brossura fresata
Traduttore
Claudine Turla
Su licenza di
Nord
Ean
9788869800542

Smita vive in un villaggio indiano, incatenata alla sua condizione d'intoccabile. Giulia, a Palermo, lavora per il padre, proprietario di uno storico laboratorio in cui si realizzano parrucche con capelli veri. Sarah è un avvocato di Montréal che ha sacrificato affetti e sogni sull’altare della carriera. Niente sembra unire queste tre donne, che condividono lo stesso coraggio. Per Smita, coraggio significa fuggire con la figlia, alla ricerca di un futuro migliore. Per Giulia, tentare l’impossibile per salvare l'azienda di famiglia. Per Sarah, non crollare quando il medico le parla di cancro. Tutte e tre dovranno capire per cosa valga davvero la pena lottare, spezzando le catene delle tradizioni e dei pregiudizi. Smita, Giulia e Sarah non s'incontreranno mai, ma, come ciocche di capelli, i loro destini s'intrecceranno, e quel legame cambierà per sempre la loro esistenza.

Nonperderemailasperanza.Tuseiforte.Nondevimollare.Lavitahainserbograndicoseperte.

Tre donne che non si conoscono, alle quali l'autrice, con la semplicità di uno struggente racconto che accarezza le loro vite, facendone emergere il coraggio, l'audacia, la fede in quei valori umani e spirituali che "fanno miracoli", affida un luminoso messaggio d'amore e di speranza.

"La treccia" è dedicato a tutte le donne. Alla loro forza, alla determinazione e al loro comprendere, spesso prima degli uomini, che il destino non è altro che la nostra presa di coscienza.

Una storia di coraggio, di audacia, e di vita che riprende vita. Altamente balsamico.

Smita, Giulia e Sarah costituiscono il triangolo femminile con cui Laetitia Colombani sonda le ambizioni (legittime) delle donne d’oggi.

In perfetto stile Jo March, nella "Treccia" i capelli sono metafora di libertà e coraggio e permettono alle protagoniste di dare un nome alla discriminazione subita.

Grande successo in Francia. Come tre ciocche che compongono una treccia, Smita, Giulia e Sarah sono legate dal coraggio di fronte alla vita.

Tre ritratti di donne unite dal fato, che non dimenticherete.

Un omaggio al coraggio delle donne.

Condividi