Dove siamo Via Gherardini, 10 - 20145 Milano
Tel 02 34597625
Seguici su
Dove siamo Via Gherardini, 10 - 20145 Milano
Tel 02 34597625
Seguici su

Il ragazzo inglese

Numero di pagine
288
Formato
Brossura fresata con alette
Ean
9788850257249
Guarda il video
Il destino dell'Italia e quello del capitano Arcieri in bilico sull'orlo della guerra

Aprile 1940: mentre l’Italia di Mussolini si trova ancora in bilico tra la «non belligeranza» e l’ingresso in guerra al fianco della Germania, il capitano Arcieri è a Firenze, dalla sua amata Elena, sempre più colpita nel lavoro e nella vita dalle infami leggi razziali. Arcieri, in preda a un bruciante senso di colpa nei suoi confronti, la asseconda in ogni suo desiderio, compreso quello di accompagnarla da alcune amiche appartenenti alla piccola comunità inglese di Firenze. L’occasione mondana cela uno scopo ben preciso: Barbara, la padrona di casa, spera che Bruno aiuti Johnny, il giovane inglese che la donna considera un nipote, a sfuggire all’inevitabile arruolamento nelle file del suo Paese. Bruno è offeso da quella che ritiene una vera diserzione, ma lo sdegno si placa non appena viene a sapere cosa il ragazzo intende offrire, in cambio di una nuova identità per sé e per la compagna. Cosa nasconde Johnny? Perché il Comandante, responsabile del SIM e di Arcieri, si mostra così interessato al suo segreto?
In una girandola vorticosa di eventi, Arcieri si troverà coinvolto in una vicenda in cui il destino del suo Paese si intreccia pericolosamente con quello di una serie di personaggi ambigui, sfuggenti o forse solo in cerca di una possibile salvezza. Una salvezza fisica e morale che per il capitano Arcieri sembra dissolversi mentre la bufera della guerra si avvicina.

AL LETTORE

Nel 2000, nella collana «Giallo & Nero» di Hobby & Work, diretta dall’eroico Gigi Sanvito, usciva «Nero di Maggio», ambientato in una Firenze invasa dagli stendardi con le croci uncinate: era il primo romanzo della serie del capitano (poi colonnello) Bruno Arcieri.
 
2000-2020: Vent’anni!
 
In realtà, «Nero di Maggio» non era stato pensato come il primo romanzo di una serie. Bruno Arcieri, all’inizio, era solo la “spalla” di un gerarca senza nome, il vero protagonista della vicenda.
 
A «Nero di maggio» sono seguiti molti altri titoli, e quel personaggio che non doveva durare non ha voluto saperne di lasciare le mie storie. Bruno Arcieri mi ha raccontato di sé, del suo passato e poi anche del suo “futuro”, spaziando dagli anni Trenta agli anni Sessanta del Novecento. E nonostante non fosse un… carattere facile, si è fatto amare da tutti.
 
Grazie ai lettori, dunque, che hanno accolto con tanto affetto la serie delle storie di Bruno Arcieri, di nuovo tutta in libreria (manca solo «La finale», di prossima riedizione per TEA).
 
«Il ragazzo inglese», in libreria dal 25 giugno, aggiunge un importante tassello alla storia del personaggio: qualcosa di molto intimo, un messaggio che Bruno rivolge direttamente al cuore dei suoi lettori.
 
Leonardo Gori

Esistono tre modi di tornare indietro nel tempo. Uno è procurarsi una macchina magica; un altro è leggere montagne di documenti e guardare ore di film d’epoca. Il terzo è farsi accompagnare da Leonardo Gori sulle tracce del suo Bruno Arcieri, capitano dei Carabinieri complesso e tormentato, uno dei personaggi più belli e sfaccettati della letteratura nera italiana contemporanea.

DAL LIBRO

L’aria di Firenze aveva una dolcezza infinita, le siepi erano curate, spuntavano già dei germogli e cinguettavano gli uccellini. Ma sembrava tutto pronto a incenerirsi in un attimo. Due maestrine fasciste, in divisa bianca e nera, facevano marciare una colonna di piccoli balilla, armati di moschetti di legno. Arcieri, per il suo mestiere, sapeva quali forze si scontravano, in Europa: eserciti moderni, aviazione, acciaio e motori, grandi potenze di fuoco. L’Italia invece era nella condizione di quei bambini ignari, coi fucilini finti.

Condividi