Dove siamo Via Gherardini, 10 - 20145 Milano
Tel 02 34597625
Seguici su
Dove siamo Via Gherardini, 10 - 20145 Milano
Tel 02 34597625
Seguici su

Bambini in fuga

Numero di pagine
256
Formato
Brossura
Su licenza di
Longanesi
Ean
9788850252756
I giovanissimi ebrei braccati da nazisti e fondamentalisti islamici e gli eroi italiani che li salvarono

Per sottrarsi alle persecuzioni naziste dopo aver perso i genitori nei campi di concentramento, settantatré giovanissimi ebrei, tra i sei e i diciassette anni, attraversano la Germania e la Slovenia e riescono ad arrivare in Italia, a Nonantola, un paese in provincia di Modena. Qui, a dispetto del fascismo e delle campagne razziali, l'intera popolazione si mobilita per aiutarli, offrendo loro protezione per un anno intero. Ma l'8 settembre 1943 la situazione precipita: Nonantola viene occupata dai nazisti e i ragazzi devono essere messi in salvo in fretta, con la speranza di farli espatriare in Svizzera. Ripercorrendo la storia rocambolesca dei ragazzini in fuga dal Reich, Mirella Serri riporta alla luce anche il segreto e tenace lavorio di un personaggio poco conosciuto ma centrale nella Shoah: il gran Mufti di Gerusalemme, Amin al-Husayni, esponente dell'islamismo più radicale. Da Berlino, dove si era rifugiato lavorando a fianco di Hitler e di Eichmann, al-Husayni cercò in ogni modo di bloccare l'espatrio e la salvezza degli ebrei, inclusi i ragazzi che si rifugiarono a Nonantola, arrivando perfino a costituire una divisione autonoma di SS musulmane nel Balcani per precludere l'ultima via di scampo. 

Quella dei ragazzi di Nonantola e dei loro salvatori è una storia di eroi dimenticati o trascurati, una storia di ribellione corale alle dittature, una storia tutta italiana e al tempo stesso universale di generosità e di profonda umanità.

«Un’autrice capace di dare nuove interpretazioni a momenti cruciali della vicenda culturale nazionale.»

«Mirella Serri conosce l’arte di riscrivere la storia senza però cedere all’ideologia.»

«Una storia bella e terribile d'un gruppo di bambini e adolescenti ebrei.»

«C'è qualcosa dell'orrore dei nostri tempi che spinge a leggere tutto d'un fiato questo libro.»

«Un libro che spazia con abilità tra piccolo e grande, tra le peripezie dei giovani profughi e la scena maggiore della Storia.»

Gli altri libri di Mirella Serri

Un amore partigiano

Condividi